Chi siamo

Il sito e' dedicato alla cessata Banca Commerciale Italiana

 

Notizie in pillole
per arrestare la rotazione posizionate sulle scritte il puntatore del vostro mouse


12 agosto 2018: Il collega Greg Cerra invita i colleghi al vernissage dell'esposizione delle sue incisioni del 7 settembre 2018 all'Hotel Plaza di Nizza (Costa Azzurra).
La mostra avra' luogo dall'1 al 30 settembre p.v.

 


 

 


 

 


 

motore di ricerca nel sito: inserire le parole chiave


 

 

Gli ultimi articoli inseriti nel sito
clicca sui links sottostanti per visualizzarli

16 SETTEMBRE 2018

Venti anni di Servizio CSV 1997-2017
di Giuseppe Bardone    

leggi l'articolo

14 SETTEMBRE 2018

Fondo Sanitario     
la lettera di Ernesto Tagliarini  

leggi l'articolo

13 SETTEMBRE 2018

Ombre - cap. dodicesimo
di Antonio Annunziata

leggi l'articolo

12 SETTEMBRE 2018

Il pescatore... pescato
di Fabrizio Scarpa

leggi l'articolo

11 SETTEMBRE 2018

Fisco presente tra genitori e figl
di Pasqualino Pontesi  

leggi l'articolo

09 SETTEMBRE 2018

Il pastore di Dingle   
di Massimo Messa

leggi l'articolo

08 SETTEMBRE 2018

Rating e spread
di Giacomo morandi   

leggi l'articolo

07 SETTEMBRE 2018

L'isola di Wight (1968)
di Doriana Goracci    

leggi l'articolo

06 SETTEMBRE 2018

Bepi Zanfron: la tragedia del Vajont
di Arnaldo De Porti

leggi l'articolo

05 SETTEMBRE 2018

Genova - di Gianni Roj
a cura di Renzo Saitta

leggi l'articolo

03 SETTEMBRE 2018

Dogana: le regole da rispettare
di Pasqualino Pontesi   

leggi l'articolo

01 SETTEMBRE 2018

Maldamore - cap XXII
di Antonio Annunziata   

leggi l'articolo

31 Agosto 2018

I frutti della primavera
di Lorenzo Milanesi  

leggi l'articolo

30 AGOSTO 2018

Fiscalita' Fondocomit
doppio binario?

leggi l'articolo

28 AGOSTO 2018

L'enigmatico lessico del fisco
di Pasqualino Pontesi     

leggi l'articolo

26 agosto 2018

Rosa senza spine
di Massimo Messa   

leggi l'articolo  

 

 

 

             

 

              quattro spigolature sub

PIAZZA SCALA - L'Italia e' il paese delle piazze. Non c'e' citta' o piccolo centro cittadino che non abbia la sua piazza con la chiesa, il comune, il posto per incontrarsi, in genere un bar, il luogo dei commerci.
Tra le tante piazze d'Italia, per dare un nome al nostro spazio, noi abbiamo voluto scegliere Piazza della Scala a Milano, piuttosto che  una delle tantissime e bellissime piazze di Roma o delle altre citta', soprattutto per una ragione affettiva.
Infatti molti di noi, per un motivo o per l'altro, sono passati in questa piazza per andare al lavoro o perche' in visita alla Direzione Centrale o semplicemente perche' si trovavano a Milano per altri motivi. Rimane quindi per molti di noi un punto di riferimento di un lunghissimo periodo delle nostra vita e quindi oggi, dovendo intitolare un "sito" che vuole essere il punto d'incontro di un gruppo di amici, abbiamo scelto il nome di Piazza Scala. Ci piacerebbe che divenisse il punto di scambio di relazioni interpersonali, che gli ex Comit, si potessero incontrare per il semplice piacere di rivedersi, parlarsi e raccontarsi, che questo nostro spazio virtuale divenisse una "agora" frequentata da tutti, un punto di riferimento per uno scambio di notizie e di iniziative per meglio affrontare insieme i nostri problemi, piccoli o grandi che siano e di qualsiasi tipo siano.

BANCA COMMERCIALE ITALIANA - Costituita a fine '800 con capitale tedesco, e' gradualmente diventata l'istituto di credito piu' importante per il sostegno dato all'imprenditoria italiana.
Sbilanciata nella partecipazione al capitale di rischio delle grandi imprese (contestualmente suoi grandi debitori), nel 1932 la Banca Commerciale Italiana era caduta in stato di insolvenza. La banca fu salvata dall'IMI e dall'IRI: Toeplitz dovette lasciare l'istituto]. Nel 1934  fu nazionalizzata e divenne di proprieta' dell'IRI, portando in dote le imprese industriali controllate. E' questo il periodo d'oro della Comit, caratterizzato dalla sapiente gestione di Raffaele Mattioli.
A meta' degli anni '90 la privatizzazione, realizzata chiamando a raccolta i maggiori clienti (quasi tutti facilitati) ma senza l'appoggio di almeno una una Fondazione (cfr. Unicredit e Intesa) e stressando il personale, ha completato la frittata: la Comit e' rimasta indifesa dagli attacchi esterni (solo Enrico Beneduce aveva provato senza successo a catalizzare la Cassa di Risparmio di Firenze): nel 1998 la resa di Cuccia e di Mediobanca portava la banca fra le voraci fauci di Giovanni Bazoli che, non potendo dimenticare gli "sgarbi"  nei suoi confronti della Comit (che, lo ricordiamo, non aveva voluto consegnargli l'Ambroveneto e aveva cercato di strappargli la Cariplo, quest'ultima mossa frenata da Bankitalia) portava a termine lo "spezzatino", distruggendo senza pieta' gli asset e vendendo i gioielli di famiglia tramite il fido Corrado Passera.
Dopo piu' di cent'anni cessava di esistere la piu' bella banca italiana per la mancanza di un top management all'altezza dei tempi.

FONDOCOMIT - Costituito nel 1905, Ente Morale nel 1921, Persona Giuridica dal 1956. Fatti salienti:
la riforma del 99 completata solo nel 2000 con la modifica dello statuto ed in particolare: conferma dei coefficienti di calcolo delle pensioni; conferma della riduzione delle pensioni di reversibilita'; sospensione per 10 anni della rivalutazione delle pensioni; determinazione delle posizioni individuali sulla base di calcolo del capitale esistente il 31/12/97; a ripianamento del disavanzo attuariale, contributo della banca di 150 miliardi di lire (100 per attivi con 20 anni di anzianita' - 50 per riserva pensionati); viene introdotto il riscatto del 100% della posizione, anziche' del 50%,  
l'accordo del 10 dicembre 2004: successivamente al fallito tentativo della primavera scorsa la banca comunica, a partire da giugno, la volonta' di porre comunque in liquidazione coatta il fondo, anche senza specifico accordo e sempre tramite uno o piu' commissari
tutto il resto e' storia recente

FONDO SANITARIO INTEGRATIVO INTESASANPAOLO - Ente costituito nel 2010 (in sostituzione della preesistente Cassa Sanitaria) per tutte le aziende del gruppo Intesasanpaolo:  ha scopo esclusivamente assistenziale ed e' preposto ad erogare agli iscritti (personale in servizio e in quiescenza) e ai rispettivi familiari (ca. 200.000, dont il 30% circa pensionati) prestazioni integrative e sostitutive di quelle fornite dal Servizio Sanitario Nazionale; ispirato sulla carta alla completa solidarieta' intergenerazionale (come la preesistente Cassa Sanitaria), in realta' penalizza pesantemente il personale in quiescenza con prestazioni ridotte e costi piu' elevati nonostante riserve per ca. 150/mln. e utili d'esercizio inusuali per una realta' senza fini di lucro. Il C.d.A. e' composto da 19 consiglieri, nove nominati dalla banca, altri 9 di estrazione sindacale e solo 1 appartente alla categoria del personale in quiescenza. In virtu' di un inusuale connubio tra Banca e Sindacati, il rappresentante dei pensionati (che potrebbe essere anch'esso di estrazione sindacale) ha una limitatissima voce in capitolo.